Il Pagliaccio

Ballerò per tutta la sera perché questo sia un grande spettacolo.
Non ci sarà sorriso che sarà risparmiato da queste labbra dipinte.

Ballerò così forte che, domani, le gambe faranno male.
Sorriderò fino alle lacrime, a non sentire più le guance.

Lentamente ora indosso i miei guanti,
tu guada i miei gesti, il naso esilarante e le scarpe,
nelle quali inciampo, come un esperto giullare di corte.

Ma non sciogliere il trucco, non sfiorare i miei occhi,
perché io sono il pagliaccio e ahimè, non posso mostrarli.