ParoleAmore e Vampiro

Amore e Vampiro

E lasciai che riscaldasse di sublimi sogni ogni mia lenta notte, come bagliore di luna riflesso in un pozzo. Così da perder il senno, fissandone lo splendore ad occhi fortemente serrati: di quella luce intensa che oscurità non teme e disperde, arrecando sollievo.

Ed è la mia pelle in questa vita, non più un manto corvino o squame di pietra ad essermi corazza. Così da poter gioire d’ogni dolore mortale, ogni ferita che brama il mio sangue e stilla l’unico degno pegno per l’aria che respiro e la certezza che baratterei l’infinito, soltanto per l’istante ch’ella brilla, inconsapevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

c

Lorem ipsum dolor sit amet, unum adhuc graece mea ad. Pri odio quas insolens ne, et mea quem deserunt. Vix ex deserunt torqu atos sea vide quo te summo nusqu.

Subscribe to our Newsletter

Sed ut perspiciatis unde omnis das ist wirklich iste natus.


    Ho letto e accetto le condizioni presenti nella Privacy Policy